Torna Indietro

SBIANCAMENTO FAI DA TE- PROFESSIONALE- DOMICILIARE

Lo sbiancamento fai da te: 

Di solito utilizza vari preparati abrasivi a base di bicarbonato, ma ha spesso il risultato di graffiare lo smalto e renderlo ancora meno lucido e più soggetto al deposito di pigmenti.

Il bicarbonato per uso alimentare ha una granulometria irregolare e macroscopica, quindi troppo aggressiva per questo scopo.


 

Sbiancamenti professionali:


Gel a base di perossido di idrogeno (acqua ossigenata a più alta concentrazione), a ph neutro o basico e non abrasivo.
Il Perossido penetra all’interno dello smalto, viene liberato idrogeno attivo e per una reazione di ossido-riduzione elimina/attenua le pigmentazioni che si depositano nelle porosità e irregolarità dello smalto.

Esistono numerosi tipi di trattamenti; variano in base alla percentuale del principio attivo e ai tempi di applicazione.

 

I trattamenti alla poltrona contengono percentuali di perossido più alte e vengono eseguiti dall’igienista dentale o dal dentista in una o più sedute di circa un’ora.
 

I trattamenti domiciliari hanno concentrazioni inferiori e vengono eseguiti direttamente dai pazienti, a casa, con mascherine personalizzate che si devono tenere per alcune ore al giorno per almeno due settimane.

Questi trattamenti sono meno aggressivi, ma richiedono più costanza e dedizione, essendo prolungati nel tempo , inoltre, permettono di prolungare la condizione di brillantezza.

 

A seconda del grado di pigmentazione e delle abitudini alimentari e voluttuarie (fumo,caffè), i due tipi di trattamento vengono combinati o ripetuti  per ottenere risultati migliori.


Torna Indietro

RECENSIONE

Il “Manuale di terapia integrata per l’odontoiatria” del dr. Enrico Cipriani si muove sul recupero di certe premure antropologiche e sull'approccio medico-odontoiatrico
...LEGGI TUTTO